Murutubu per iniziare il Bababoom festival che quest'anno ospita l'inizio di un nuovo progetto dedicato al mondo del Hip Hop Hypnotize Festival! Martedi 18 luglio!

Murubutu è un artista dedito allo studio dell’interazione fra musica rap e letteratura. Convinto del potenziale del genere rap come mezzo di emancipazione culturale è in particolare il connubio con la narrativa che ha reso nota la sua musica a livello nazionale portando lo tecnica dello storytelling a livelli inesplorati. Attivo dagli anni ’90 e forte di quattro album solisti pubblicati dall’etichetta bolognese Irma records( www.irmarecords.com) presenta ora il suo nuovo concept album completamente dedicato al vento (uscito a Ottobre 2016) caratterizzato da collaborazioni di noti artisti della panorama hip hop italiano come Ghemon, Dargen D’Amico e Rancore.

Murubutu dal vivo, con l’aiuto dei soci de La Kattiveria crew (il tenente, U.G.O. Yanez Muraca e Dj Caster) propongono una miscela unica di hip hop classico con poesia, narrativa e letteratura potenziale .

Album ufficiali pubblicati:

 2009 – Murubutu, Il giovane Mariani e altri racconti

 2011 – Murubutu,  La bellissima Giulietta e il suo povero padre grafomane

 2014 – Murubutu, Gli ammutinati del Bouncin’ ovvero mirabolanti avventure di uomini e mari

 2016 – Murubutu, L’uomo che viaggiava nel vento e altri racconti di brezze e correnti

Biografia

Murubutu, al secolo Alessio Mariani, nato a Reggio Emilia, si avvicina all’hip hop all’inizio degli anni ’90 fondando il primo gruppo hip hop della città: La Kattiveria. Insegnante di filosofia e storia nelle scuole superiori, dal 2000 comincia a lavorare con i propri soci ad un rap di diversa concezione rispetto a quello più diffuso ora nel mainstream ora nell’underground. L’intento è fare del rap un mezzo espressivo per trasmettere contenuti di ordine culturale senza perdere l’attenzione verso la cura stilistica. Il risultato è un nuovo sottogenere musicale: il rap didattico, concretizzato nel 2006 dall’uscita dell’album “Dove vola l’avvoltoio”. Sulla scorta della contaminazione fra rap, narrativa e saggistica Murubutu intraprende nel 2009 un progetto solista, interamente dedicato allo storytelling, in cui sonorità hip hop classiche fanno da tappeto a testi con una forte curvatura cantautorale e accenti poetici. Nel 2011 Murubutu vince il secondo premio al Concorso Nazionale per cantastorie “G.Daffini” con il brano “Anna e Marzio”. L’attività musicale di Murubutu fino ad oggi è rappresentata da una quattro album distribuiti dall’etichetta bolognese Irma/Mandibola records: “Il giovane Mariani e altri racconti”(2009), “La bellissima Giulietta e il suo povero padre grafomane“(2011), “Gli ammutinati del Bouncin’ ovvero mirabolanti avventure di uomini e mari”( 2014), “L’uomo che viaggiava nel vento e altri racconti di brezze e correnti”(2016).

www.lakattiveria.com

www.facebook.com/pages/Murubutu

www.twitter.com/MURUBUTU

 

www.instagram.com/murubutuofficial